No, tutti i servizi sono ad accesso gratuito e finanziati con fondi ex l. 285/97 dal Comune di Bari, Assessorato al Welfare